TORINO  011.385.09.17
AOSTA  0165.45.278

Prestazioni





FINANZIAMENTI TASSO 0 REALI 24 MESI
VISITA GRATUITA LA VISITA SPECIALISTICA È COMPLETAMENTE GRATUITA
15% di SCONTO IL COPON È VALIDO PER TUTTE LE PRESTAZIONI EROGATE DALLO STUDIO

PARODONTOLOGIA




Informazioni sulla parodontologia

La parodontologia è una branca dell'Odontoiatria che studia i tessuti del parodonto (peri = attorno; odons = dente) e le patologie ad esso correlate. La parodontologia si occupa quindi dell'insieme dei tessuti molli (il LEGAMENTO PARODONTALE e GENGIVA) e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell'arcata alveolare (in condizioni di salute).

La DETARTRASI o ABLAZIONE del tartaro consiste nella rimozione meccanica dei depositi di tartaro sui denti utilizzando uno strumento odontoiatrico che rimuove sia sulla parte dei denti esposta che sulla loro porzione normalmente coperta dalle gengive frammeti di tartaro calcificati. La detartrasi è una tecnica di prevenzione delle patologie gengivali e parodontali, perciò andrebbe effettuata con regolarità. La frequenza delle sedute di detartrasi è stabilita sul singolo paziente, a seconda della disposizione dei denti, dell'igiene personale, dello stato di salute delle gengive, e da fattori predisponenti individuali. Normalmente, per i pazienti con una perfetta salute del cavo orale, le sedute avvengono ogni 6 - 12 mesi.

La LEVIGATURA RADICOLARE si effettua previa anestesia locale quando un paziente con una patologia parodontale in stadio più avanzato presenta tasche tartaro sub-gengivale non rimovibile con le normali metodiche di ablazione. La levigatura radicolare a CIELO APERTO è analoga alla precedente previo scostamento della gengiva dei piani ossei sottostanti. Questa pratica si rende necessaria qualora le tasche parodontali raggiungano una profondità tale da impedirne una completa pulizia con le metodiche precedenti. La RECESSIONE GENGIVALE si ha quando il bordo coronale del margine gengivale si trova in posizione apicale rispetto alla giunzione amelo-cementizia del dente interessato. La continua migrazione apicale della gengiva marginale caratterizza il processo della retrazione gengivale, ed è spesso correlata con un'atrofia dell'osso alveolare. La recessione gengivale coincide con un "allungamento" della corona clinica del dente, poiché la radice anatomica viene "denudata", trovandosi così esposta all'ambiente orale circostantedeterminando un inconveniente estetico ed un problema di sensibilità della radice.